Amici: il gatto social

Diciamocelo: anche un gatto ha i suoi momenti di vita sociale. E tu hai mai visto il tuo gatto impegnato in “attività social”?

Ma il gatto è un animale sociale?

In realtà, mi spiega il mio veterinario di riferimento, il gatto non è un animale sociale, bensì un solitario.

Stringe relazioni in base ai suoi bisogni primari, innanzitutto il cibo, quindi per opportunità può anche vivere in comunità, le colonie feline, può gradire l’appartenenza a gruppi di simili. Anche non conviventi.

Io ho notato il mio gatto andare a zonzo con il suo migliore amico, il gatto del vicino, li ho visti giocare insieme. Ma con il gatto, anziano, degli altri vicini invece non ha legato.

Il gatto ha poi le sue tecniche di approccio e di accettazione di una relazione sociale con i suoi simili che appartengono al suo status sociale: annusarsi naso con naso o farsi la toelettatura a vicenda.

In ogni caso rimane un essere dalle caratteristiche di solitario: il contatto con l’uomo non è spontaneo. Un gattino deve essere abituato al contatto e a interagire con l’uomo altrimenti quando è adulto non gradirà farsi accarezzare.

Il mio micio era stato abbandonato e quando l’abbiamo trovato aveva meno di due mesi. Pur camminando in mezzo ai miei piedi non si faceva toccare. Si faceva imboccare una crocchetta alla volta ma non si faceva toccare. Poi con il tempo, e pazienza, ha fatto lui l’approccio e via via ha gradito carezze giochi e coccole, mi annusa il naso, mi lecca le mani. Però non resiste in braccio più di tre secondi, e ora ha 7 anni.

Pronti attenti, via! Un gatto in tribuna

Il gatto di Simon invece ha notoriamente una vita sociale intensa. Come ci mostra questo ultimo video.

Buona visione e buona settimana a tutti!

Contributi:

Simon’s Cat

Simon’s Cat Video

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.