Il cane e i “suoi” parassiti (1)

I parassiti sono un bel problema non solo per il cane ma anche per il suo proprietario: le pulci per esempio possono infestare anche gli ambienti frequentati dal cane, la casa innanzitutto. Inoltre possono trasmettere malattie: quando pungono emettono una saliva anestetizzante che ha la funzione di non fare avvertire la loro presenza consentendo di succhiare sangue indisturbate. La trasmissione di malattie avviene all’atto della puntura.

Ma quali sono i parassiti dai quali difendere Fido? Eccoli: le pulci, le zanzare, poi i pappataci e le zecche. I pappataci sono pericolosi per via della leishmaniosi, una malattia che non dà scampo se non viene curata per tempo. Le zanzare possono trasmettere il parassita che causa la filariosi, diffusa nelle zone paludose e lacustri, soprattuto nel Nord-Italia.

Le pulci sono quei puntini neri saltellanti che vivono grazie al sangue che succhiano al mammifero a cui si attaccano. Hanno una tale resistenza che possono sopravvivere anche senza animali a cui attaccarsi, sono attive tutto l’anno ma soprattutto proliferano dai primi caldi fino al primo freddo all’esterno, in interni riscaldati tutto l’anno. Nessun cane o gatto sono esenti dal rischio di prendersele: o da altri cani e gatti o semplicemente frequentando ambienti infestati. La vita di una pulce dura al massimo tre settimane durante le quali depone le uova: se il cane è in casa le uova cadono per terra e una volta schiuse le nuove pulci salteranno in giro infestando l’ambiente e saltando sul primo mammifero in circolazione.

Come si comporta Fido quando ha le pulci? Si gratta, arrivando in certi casi ad essere infiammato. Inoltre noteremo su di lui dei puntini neri tipo polvere che sono le feci delle pulci: per verificare dovremo tamponare con una carta inumidita, se si colora di rosso scuro avremo la conferma che Fido sta ospitando personaggi sgraditi.

Con le pulci il cane potrebbe prendere la dermatite allergica da pulce, detta DAP (nei cani allergici alla saliva della pulce si scatena un forte eritema con perdita di pelo), potrebbe ricevere batteri e verminosi intestinale e infine potrebbe risentirne a livello fisico con debilitazione generale e dimagrimento fino a casi di anemia.

Come difendere Fido dalle pulci? Ovvio con l’antipulci. In commercio si trovano disparate soluzioni, dallo spray allo spot-on (le fialette), dalle pastiglie al collare. Ci sono i prodotti destinati all’ambiente e quelli destinati al cane formulati con principi attivi vegetali o di sintesi. Un buon spot-on elimina le pulci in un paio di giorni e con esse anche larve e uova. Con il veterinario di fiducia si stabilirà un “protocollo” di prevenzione adatto.

È importante conoscere le diverse tipologie di antiparassitari perché gli antiparassitari non sono tutti uguali: alcune formulazioni hanno anche una funzione repellente pertanto evitano a Fido di essere punto e di ricevere malattie trasmissibili. Ci sono quelli da contatto come le gocce che agiscono tramite il film lipidico della pelle e quelli che agiscono dall’interno (come le pastiglie) e fanno effetto solo dopo che Fido è stato punto.

Ti aspettiamo in Emporio per illustrarti la nostra vasta gamma di antiparassitari destinati agli animali domestici e all’ambiente in cui vivono.

(Nel prossimo post parleremo delle zecche: seguici!)

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.