Cani da soccorso

Il cane da soccorso è in questi giorni protagonista insieme ai volontari e addetti ai soccorsi nelle zone colpite dal terremoto in centro-Italia. In particolare sono intervenuti gli operatori dell’Enpa, i vigili del fuoco con il presidio veterinario e le unità cinofile del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas), del Corpo Forestale, della Guardia di Finanza e dei Nuclei di Protezione Civile, di carabinieri e polizia, dell’ Associazione cani da catastrofi onlus (Acdc) e sicuramente di altre associazioni che promuovono l’addestramento dei cani per il soccorso.

Vedendo le immagini in televisione si nota che le razze canine all’opera sono diverse, infatti non esiste una razza di cane particolarmente predisposta a questo utilizzo, qualsiasi cane potrebbe essere in linea di massima addestrato per il soccorso. Ci sono chiaramente delle caratteristiche determinanti per poter svolgere questa attività: in primo luogo il rapporto con il conduttore, che sta alla base dell’addestramento, poi curiosità, carattere socievole e reazione agli stimoli, ottima mobilità. Pertanto si può affermare che alcuni cani sono predisposti rispetto ad altri per questo ruolo.

dog-659871_1280

La coppia conduttore-cane dovrà sostenere regolari addestramenti sul campo con qualsiasi condizione di tempo e il conduttore dovrà affrontare lo studio delle materie e delle strumentazioni indispensabili per il primo soccorso anche veterinario e sostenere esami semestrali.

In rete si possono trovare i riferimenti delle associazioni riconosciute che si occupano di questo particolare addestramento che prepara i volontari a due e quaattro zampe che andranno ad affiancare le unità cinofile dei vari reparti governativi citati all’inizio del post.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.